Giorgio La Pira, un uomo OL3

GIORGIO LA PIRA

Non sarebbe giusto fare confronti tra periodi storici diversi, cercare come paladini della propria causa persone che si sono dedicate anche se in una causa simile alla nostra, in un contesto storico diverso; ma in questo caso si può fare un’eccezione, anche in risposta a chi non considerando gli aspetti sopracitati, cade spesso in questa logica. Parlare o scrivere di Giorgio La Pira non è mai semplice, fedele servo della Chiesa, uomo politico e amministratore capace, difensore dei più poveri e deboli, docente attento alla crescita culturale e spirituale dei propri studenti. Molti politici di oggi, a partire dal Presidente del consiglio dei ministri, dicono di rifarsi a Giorgio La Pira, e questo per un cristiano non può che essere una sicurezza in più e una speranza, pregando il Servo di Dio La Pira affinchè sostenga ed illumini il loro servizio alla società. Ma fermiamoci qui, e non è poco, non cadiamo nella tentazione di etichettare come uomo di sinistra, come uomo di destra, un uomo che degli schieramenti e dei giochi politici poco si interessava, un uomo che si è completamente dedicato al servizio nobile, alla forma più alta di carità, ovvero alla politica, come strumento e occasione per avvicinare il Regno di Dio a questa terra e che quotidianamente cercava i segnali di questo avvicinamento e li vedeva, con occhi pieni di speranza. La Pira oggi non farebbe parte del PD, sicuramente non farebbe del PSE, proprio lui, che come primo scopo aveva la difesa della famiglia, basti vedere le lettere e i documenti della campagna per il referendum sul divorzio del 1974, oppure gli ancora più decisi appelli in favore della vita e quindi contro l’aborto. Solo questi due esempi possono far capire che La Pira si scandalizzerebbe davanti a scelte fatte da esponenti attuali del Pse e presidenti o primi ministri europei, come le leggi sui matrimoni tra omosessuali o l’eutanasia per i bambini. La Pira mai avrebbe avvallato scelte così per nulla cristiane. Forse La Pira avrebbe fatto parte del PPE? No, molto probabilmente non avrebbe fatto parte nemmeno del PPE, così troppo moderato, che non riesce a portare l’Europa fuori da questa crisi culturale, sociale, economica e infine politica, una crisi di identità. No, La Pira non sarebbe stato in questi giochi, Giorgio La Pira, testimone autentico del Vangelo, è stato un profeta, vedeva già oltre prima di tutti noi, con gli occhi di Cristo e della sua Chiesa!
“…non ho mai voluto essere né sindaco, né deputato, né sottosegretario, né ministro (…) e la ragione di tutto questo è così chiara: (…) io sono un testimone dell’Evangelo, mi sarete testimoni; la mia vocazione, la sola, è tutta qui! Sotto questa luce va considerata la mia “strana” attività politica. “
Riprendiamo a fare quella “Strana” attività politica allora, iniziando ad andare OL3!

Damiano Caravello
(OL3 Veneto)

  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
Commenti chiusi.

!twitter

#temiOl3

  • 10527621_319450061513206_8925441035976221652_nQualcosa è cambiato. No, non al Governo, perché cambiano le persone, ma la tendenza a fare troppi provvedimenti spot è sempre la stessa (a che servono, tanto per dirne una, 1000 asili nuovi se non si fanno figli e se chi ce li ha è vessato dalle tasse?). No, non in Parlamento, perché “fatta la legge, trovato l’inganno” e ormai decidono più i giudici degli onorevoli (anzi, forse questa potrebbe essere una novità, ma no, è già cosa vecchia). Insomma, qualcosa è cambiato intendevamo qui, tra noi, a #OL3.

    Dopo il lungo tour, faticoso ma entusiasmante, che ha coinvolto oltre 40 parrocchie romane, abbiamo raccolto moltissime adesioni per la 3 giorni di formazione con persone da varie parti d’Italia (dalla Lombardia alla Sicilia, passando per le Marche), che porteranno i nostri contenuti nei loro territori, appassionando,anzi, "immischiando" a loro volta, altri amici.

facebook

Foto Gallery

IMG_0782 cg1_0199 cg1_0318 cg1_0868 CG1_8715 CG1_8878 CG1_8983 CG1_9415 cg1_8584 cg1_5948 cg1_6006 cg29401