Il presepe e l’uomo

Girando per la città, in questi giorni, possiamo trovare moltissimi presepi: nelle chiese, sulle bancarelle nelle strade, a casa di amici. Alcuni sono più tradizionali, altri sono più stravaganti e moderni, ma in tutti possiamo notare un elemento comune. L’iconografia del presepe, saldamente presente nella nostra tradizione, mostra sempre la fusione di due aspetti : l’aspetto umano, rappresentato dai pastori, dalle pecore, dalla rappresentazione dei lavori più umili e quotidiani (il fornaio, il falegname con le fascine di legna, la massaia, gli animali), e l’aspetto trascendente, rappresentato dagli angeli e dalla luce che immancabilmente mette in risalto la scena della natività.

Corpo, anima e spirito vengono chiamati in causa contemporaneamente per accogliere il Creatore.

Da questa iconografia emergono in filigrana i tratti salienti che caratterizzano la grandezza e la dignità dell’essere umano: il nostro essere corporeo e materiale si affianca, senza soluzione di continuità, alla trascendenza e al divino, che illumina l’oscurità dell’umanità e dona questa un senso.

Concretezza della carne, volontà e ascesi verso qualcosa di trascendente, ma allo stesso immanentealla sua natura: così è fatto l’uomo.

Questa è la visione antropologica di OL3.

Per il nostro Paese saranno decisivi i prossimi anni. Non ci saranno più destra, sinistra, centro, ma visione antropologiche contrapposte. Il dualismo ideologico verrà superato dal dualismo antropologico.

Noi di OL3 crediamo che sia arrivato il momento per proporre una politica che, al passo con i tempi, sia il frutto maturo di questa visione antropologica, pienamente rispettosa della dignità dell’essere umano. L’azione politica deve avere come obiettivo il bene comune, che è un traguardo che si nutre al contempo di orizzonti utopici e di pratiche concrete. L’azione politica non può e non deve puntare in basso, deve tuttavia incarnarsi in un processo realizzativo percorribile e adeguato ai tempi che stiamo vivendo.

La concretezza senza utopia è mediocre, l’utopia senza concretezza è inutile.

OL3 è il coraggio dell’utopia e la forza della concretezza!

Lo staff di OL3 augura a tutti un buon Natale e un felice anno nuovo.

  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
Commenti chiusi.

!twitter

#temiOl3

  • 10527621_319450061513206_8925441035976221652_nQualcosa è cambiato. No, non al Governo, perché cambiano le persone, ma la tendenza a fare troppi provvedimenti spot è sempre la stessa (a che servono, tanto per dirne una, 1000 asili nuovi se non si fanno figli e se chi ce li ha è vessato dalle tasse?). No, non in Parlamento, perché “fatta la legge, trovato l’inganno” e ormai decidono più i giudici degli onorevoli (anzi, forse questa potrebbe essere una novità, ma no, è già cosa vecchia). Insomma, qualcosa è cambiato intendevamo qui, tra noi, a #OL3.

    Dopo il lungo tour, faticoso ma entusiasmante, che ha coinvolto oltre 40 parrocchie romane, abbiamo raccolto moltissime adesioni per la 3 giorni di formazione con persone da varie parti d’Italia (dalla Lombardia alla Sicilia, passando per le Marche), che porteranno i nostri contenuti nei loro territori, appassionando,anzi, "immischiando" a loro volta, altri amici.

facebook

Foto Gallery

cg1_0374 cg1_0525 cg1_0766 CG1_8872 CG1_8935 cg2_1051 cg2_1157 cg2_4030 cg2_4056 cg1_5873 cg1_6038 cg29440