FAQ

1. Cosa è OL3?

E’ una lista civica? No, ma potrebbe esserlo, un domani.

E’ un partito politico? No, ma potrebbe diventarlo (forse, più dopodomani che domani…)

E’ un movimento religioso, di fede? No. Ma certamente è una realtà che si ispira profondamente ai valori della Dottrina sociale della Chiesa Cattolica.

Ma allora vuole diventare una “nuova DC”? No. E’ – appunto – un realtà che va “oltre” gli schemi della vecchia politica, dei “partiti”, ed anzi intende andare al di là della politica stessa (seppur l’azione politica non possa che rappresentarne un momento essenziale).

Gigi De Palo ne è il presidente: serve ad appoggiare Alemanno? No. E’ un’idea che nasce da prima dell’esperienza di Gigi da “assessore-tecnico” (Oltreilnaso, Oltrelaspesa, Oltreglisposi), ed intende andare oltre questa.

E’ un movimento culturale? Anche. Ma non solo. OL3 è qualcosa di più.

 

2. Chi raggruppa OL3?

L’Associazione OL3 è, innanzitutto, un contenitore di esperienze personali, di esperienze – anche molto diverse – ma tutte accomunate da un unico “collante”: il discorso a Tor Vergata di Giovanni Paolo II alla GMG del 2000, di cui vogliamo farci interpreti nelle nostre vite. Ad oggi, abbiamo un “politico-tecnico”, attori, avvocati, commercialisti, docenti universitari, esponenti del terzo settore, professionisti e dipendenti di estrazione più varia ed eterogenea e – naturalmente – mogli e mamme “full time” (queste ultime la “spina dorsale”, il sostegno senza il quale saremmo tutti un po’ persi…). Ognuno con una storia, un’esperienza, una diversa prospettiva da cui osservare il mondo, ma tutti mossi dall’esigenza di cogliere – anche e soprattutto nei problemi di ogni giorno – le potenzialità di bellezza nascoste: di afferrare le “storture” del vivere quotidiano e capire come trasformarle, ribaltarle in occasioni di bene per la comunità.

 

3. Devo iscrivermi ad OL3 per prenderne parte?

Non necessariamente. Benché nasca come associazione – e quindi come legame giuridico-formale tra alcune persone – è qualcosa che va al di là del gruppo associativo. L’associazione è solo il propulsore, l’amplificatore, innanzitutto, di un altro stile di vita, che chiunque – liberamente ed individualmente – può sposare e mettere in pratica; una “lettura” della realtà che parte da una certezza: cioè che sempre – anche nelle difficoltà, in tutte le difficoltà – vi è una bellezza nascosta. Una bellezza da cercare, svelare e diffondere.

 

4. Da cosa nasce OL3?

OL3 nasce da un’intuizione comune. Dall’intuizione che oggi – a distanza di 12 anni da Tor Vergata – è giunto il tempo di chi non si rassegna. “Voi non vi rassegnerete”: non un imperativo, non un dovere. Ma un annuncio ed una chiamata. Verrà un tempo – sembra dirci Giovanni Paolo II – in cui solo chi serba in sé la Speranza potrà operare con frutto e cambiare le cose e, per questo, sarà chiamato ad assumere questo compito.

Ebbene, proprio a Roma, e proprio in questo anno di crisi profonda, s’incrociano le vite di alcuni giovani – ora uomini – che presero parte a quella fatidica notte: un assessore della giunta capitolina (Gigi De Palo), noi che abbiano voluto organizzare questo incontro e molte altre persone che rivestono ruoli di spicco. Dopo 12 anni, il seme della GMG del 2000 è entrato – grazie a queste persone e provvidenzialmente – nel cuore della realtà istituzionale, politica e sociale romana. E’ – questo – l’eco del “chiasso” di quella notte, che Roma mostra di non avere dimenticato.

 

5. Cosa vuole realizzare?

OL3 vuole colmare una lacuna, un enorme buco sul quale, da troppo tempo, si è soprasseduto. Vuole ri-avvicinare il mondo cattolico alla società politica e farsi portatrice di una “lettura” che superi le ideologie e le “etichette” di partito, nella certezza che l’uomo, la sua verità ed i suoi bisogni fondamentali sono universali e che da tutti possano essere compresi.

Non è più il tempo di delegare altri. Non è più tempo di tirarsi indietro, ma di assumere su di sé il compito di prendersi cura attivamente – partendo dalla propria sfera personale e lavorativa – della propria comunità. OL3 vuole coinvolgere direttamente i cittadini, che sono il vero cuore pulsante di ogni società. Far sì che essi, già nella loro vita quotidiana, si prestino ad essere strumenti di diffusione del bene, della speranza e della bellezza. E’ fare “politica” – occuparsi cioè della vita della propria comunità (polìs) – nel senso più alto, nobile e bello del termine.

 

6. Cosa è OL3Roma?

Roma – la Città Eterna – è il primo “laboratorio” all’interno del quale vogliamo sperimentare il progetto di OL3. OL3Roma ne è, semplicemente, il “contenitore” specifico. L’otre dentro cui vogliamo iniziare a versare il “vino nuovo”.

C’è una chiamata che risuona nei nostri cuori dall’alba di questo millennio. Ci sono persone animate da un senso di bene comune, da una speranza e dalla voglia di rispondere a questa chiamata. E c’è un’intuizione: che questo è il tempo. C’è una storia più grande di noi, da un Altro governata e che – ci piaccia o meno – oggi ci tira tutti in ballo. E che possiamo scegliere di guardare da lontano o di vivere in prima persona. OL3 vuole vivere in prima persona questa Storia.

  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
Commenti chiusi.

!twitter

#temiOl3

  • 10527621_319450061513206_8925441035976221652_nQualcosa è cambiato. No, non al Governo, perché cambiano le persone, ma la tendenza a fare troppi provvedimenti spot è sempre la stessa (a che servono, tanto per dirne una, 1000 asili nuovi se non si fanno figli e se chi ce li ha è vessato dalle tasse?). No, non in Parlamento, perché “fatta la legge, trovato l’inganno” e ormai decidono più i giudici degli onorevoli (anzi, forse questa potrebbe essere una novità, ma no, è già cosa vecchia). Insomma, qualcosa è cambiato intendevamo qui, tra noi, a #OL3.

    Dopo il lungo tour, faticoso ma entusiasmante, che ha coinvolto oltre 40 parrocchie romane, abbiamo raccolto moltissime adesioni per la 3 giorni di formazione con persone da varie parti d’Italia (dalla Lombardia alla Sicilia, passando per le Marche), che porteranno i nostri contenuti nei loro territori, appassionando,anzi, "immischiando" a loro volta, altri amici.

facebook

Foto Gallery

CG0_8024 CG1_9443 IMG_0784 IMG_0787 cg1_0151 cg2_3999 cg1_5841 cg1_6006 cg1_6012 cg1_6023 cg1_6026 cg29380