OL3 la sussidiarietà

E’ necessario anzitutto uscire dallo sterile binomio, figlio della distinzione tra destra e sinistra, tra individualismo ed assistenzialismo. Anche le politiche sociali possono diventare una risorsa ed una soluzione, prima che essere il semplice tamponamento di un problema. Una società in cui si sta producendo un divario sempre più ampio tra ricchi e poveri, e in cui gran parte del pianeta vive sotto la soglia di sopravvivenza e non ha diritti è inaccettabile. È una struttura di peccato da affrontare e scardinare. Sono indispensabili tuttavia rivoluzioni di mentalità: si deve assumere il punto di vista che le associazioni sono al servizio degli assistiti; che la loro opera è decisiva, spesso, ma che non esistono diritti acquisiti.

  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
Commenti chiusi.

!twitter

#temiOl3

  • 10527621_319450061513206_8925441035976221652_nQualcosa è cambiato. No, non al Governo, perché cambiano le persone, ma la tendenza a fare troppi provvedimenti spot è sempre la stessa (a che servono, tanto per dirne una, 1000 asili nuovi se non si fanno figli e se chi ce li ha è vessato dalle tasse?). No, non in Parlamento, perché “fatta la legge, trovato l’inganno” e ormai decidono più i giudici degli onorevoli (anzi, forse questa potrebbe essere una novità, ma no, è già cosa vecchia). Insomma, qualcosa è cambiato intendevamo qui, tra noi, a #OL3.

    Dopo il lungo tour, faticoso ma entusiasmante, che ha coinvolto oltre 40 parrocchie romane, abbiamo raccolto moltissime adesioni per la 3 giorni di formazione con persone da varie parti d’Italia (dalla Lombardia alla Sicilia, passando per le Marche), che porteranno i nostri contenuti nei loro territori, appassionando,anzi, "immischiando" a loro volta, altri amici.

facebook

Foto Gallery

afoto2 CG1_1039 IMG_3412 IMG_3426 CG1_8886 cg2_1081 cg1_5830 cg1_5908 cg1_5957 cg1_6034 cg1_6541 cg1_6742