Giovani OL3

Per ripartire e costruire il futuro, non si può non puntare sui giovani: valorizzando le eccellenze, dando fiducia ma anche chiamando alla responsabilità, evitando le retoriche su bullismo, bamboccioni o sfigati. È indispensabile costruire modelli che permettano l’accesso al lavoro, alla casa di proprietà, ad affitti sostenibili, a possibilità convincenti di previdenza. Non si tratta di avere tutto e subito. Ma di sbloccare un sistema. Si deve creare una solidarietà tra generazioni.

Non è possibile che i ragazzi restino sulle spalle dei genitori fino a trenta o persino a quarant’anni. Chi ha avuto di più, deve dare di più, per i figli e per il domani Prima ancora che politiche sociali ed economiche, occorre diffondere una cultura del coraggio e dell’impegno. Ai giovani non vanno offerti paracaduti o sicurezze, tra l’altro irrealizzabili. Vanno chiamati all’impegno, prima di tutto. A servire. E va offerto lo spazio per esprimere idee, potenzialità e talenti. Va sostenuto e promosso chi ha assunto modelli solidi, su cui lo Stato e la collettività possono fare affidamento: le giovani famiglie, i giovani meritevoli nella scuola e nell’università, i giovani imprenditori.

Va abbattuto definitivamente un sistema basato sulle caste, sul nepotismo, sui privilegi. Vanno ripensate radicalmente molte strutture, spesso ipocrite e inutilmente burocratiche, su cui si è basata la selezione: il concorso pubblico, ad esempio, troppo spesso incapace di produrre reale selezione e privilegiare il merito. Va promosso l’accesso alla cultura ad un prezzo etico. C’era un primato morale e civile degli italiani, fondato sulla ricchezza di patrimonio che in questo pase non si può non respirare. Tutto questo è un indotto non quantificabile, ma immenso, in termini di eleganza, innovatività, creatività, storia, fondamenti di convivenza. Patrimonio e valore in tutti i sensi dei termini.

Sull’argomento, leggi l’editoriale di Giuliano Pompeo

  • StumbleUpon
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
Commenti chiusi.

!twitter

#temiOl3

  • 10527621_319450061513206_8925441035976221652_nQualcosa è cambiato. No, non al Governo, perché cambiano le persone, ma la tendenza a fare troppi provvedimenti spot è sempre la stessa (a che servono, tanto per dirne una, 1000 asili nuovi se non si fanno figli e se chi ce li ha è vessato dalle tasse?). No, non in Parlamento, perché “fatta la legge, trovato l’inganno” e ormai decidono più i giudici degli onorevoli (anzi, forse questa potrebbe essere una novità, ma no, è già cosa vecchia). Insomma, qualcosa è cambiato intendevamo qui, tra noi, a #OL3.

    Dopo il lungo tour, faticoso ma entusiasmante, che ha coinvolto oltre 40 parrocchie romane, abbiamo raccolto moltissime adesioni per la 3 giorni di formazione con persone da varie parti d’Italia (dalla Lombardia alla Sicilia, passando per le Marche), che porteranno i nostri contenuti nei loro territori, appassionando,anzi, "immischiando" a loro volta, altri amici.

facebook

Foto Gallery

IMG_2766 cg1_0274 cg1_0329 cg1_0778 CG1_8578 CG1_8664 CG1_9360 cg2_1054 cg2_1217 cg1_5801 cg1_5948 cg1_6063